Programmare l’arte Olivetti e le neoavanguardie cinetiche

30 agosto – 14 ottobre 2012

Negozio Olivetti – Piazza San Marco, Venezia

Il Fondo Ambiente Italiano anima uno degli eventi culturali più importanti in Italia, la 13. Mostra Internazionale di Architettura – la Biennale di Venezia, con una mostra sull’Arte Programmata che si terrà nel cuore della città, al Negozio Olivetti di piazza San Marco.

Anche il FAI diventa protagonista della 13. Mostra Internazionale di Architettura – la Biennale di Venezia. Dal 30 agosto al 14 ottobre 2012 si terrà infatti al Negozio Olivetti di piazza San Marco la mostra “Programmare l’arte. Olivetti e le neoavanguardie cinetiche“, che rientrerà tra i diciotto Eventi Collaterali programmati nel periodo della Mostra nei diversi luoghi di Venezia.

La mostra “Programmare l’arte” al Negozio Olivetti riprende, a cinquant’anni di distanza, l’esposizione sull’Arte Programmata che animò i Negozi Olivetti di Milano e Venezia nel 1962, curata da Bruno Munari e corredata da un testo di Umberto Eco.
In quel periodo stava avvenendo il brusco passaggio dalla modernità alla società dei consumi e l’Arte Programmata, che si diffonde alla fine degli anni Cinquanta soprattutto a opera di artisti come Bruno Munari, Enzo Mari, Paul Bury e i due Gruppi N e T, è un segno del cambiamento. Questi artisti sperimentarono una gamma ricchissima di possibilità di movimento nell’opera d’arte, da quelle meccaniche a quelle luminose o elettromagnetiche, dando vita a strutture mobili e continuamente variabili, ma che obbediscono a un calcolo e a un programma rigorosi, di tipo quasi scientifico.
Olivetti in quel periodo era un riferimento naturale in Italia come luogo dove si combinavano felicemente estetica, produzione e mercato secondo la lezione di Adriano Olivetti e infatti l’azienda fece girare la mostra in molte sue sedi italiane, europee e statunitensi.

Nella mostra al Negozio Olivetti verranno allestite 13 opere scelte dai curatori Marco Meneguzzo, critico d’arte, curatore e docente di Storia dell’Arte Contemporanea all’Accademia di Belle Arti di Brera, Enrico Morteo, architetto, storico e critico di design e architettura e Alberto Saibene, storico dell’industria, autore di documenti televisivi, organizzazione culturale di festival e incontri letterari.
Ci saranno anche il cortometraggio prodotto dalla Olivetti nel ’62 in occasione della mostra; il documentario su Elea 9000, primo computer main frame prodotto da Olivetti, regia di Nelo Risi, musiche di Luciano Berio; i programmi originali della mostra con la grafica di Enzo Mari; le fotografie dell’esposizione realizzate all’epoca da Mario Dondero.

L’Associazione Archivio Storico Olivetti ha collaborato alla realizzazione della mostra fornendo alcuni oggetti e immagini relativi alla grande mostra del 1962

Eventi recenti
Contatta l'Associazione Archivio Storico Olivetti

Puoi scriverci un messaggio usando questo modulo. Ti risponderemo al più presto.

Non è leggibile? Cambia il testo. captcha txt
0

Digita il testo da cercare e premi Invio

Wishlist 0
Continue Shopping