Dialogo su Adriano Olivetti, un uomo fuori dal comune

Dialogo su Adriano Olivetti, un uomo fuori dal comune
I suoi valori e i suoi principi: benessere materiale e spirituale del lavoratore.

14 giugno ore 18.00
pagina Facebook e canale YouTube del Centro Studi Borgogna di Milano

Il Centro Studi Borgogna dedica una diretta social alla figura di Adriano Olivetti, imprenditore illuminato che ha fatto del benessere materiale e spirituale dei dipendenti uno dei principali capisaldi del suo personalissimo approccio all’attività di impresa.
L’iniziativa è programmata nell’ambito della rubrica InterVenti, all’interno del consueto Salotto Virtuale del Centro Studi Borgogna introdotto in questa occasione da Fabrizio Ventimiglia, Presidente CSB e moderato da Federico Maurizio d’Andrea (Presidente Amsa S.p.A., già Presidente del CdA Olivetti S.p.A.). Parteciperanno in qualità di Relatori: Paolo Floriani (Presidente Fondazione Floriani), Gaetano Adolfo Maria di Tondo (Presidente Associazione Archivio Storico Olivetti) e Paolo Rebaudengo (Scrittore, Fondatore Olivettiana.it).

È il 1908 quando nasce ad Ivrea quella che diventerà, nel corso degli anni, una delle aziende italiane più importanti a livello mondiale: la Ing. C. Olivetti & C. La fabbrica di macchine da scrivere fondata da Camillo Olivetti e portata avanti da suo figlio Adriano si distingue sin dal principio per l’attenzione alla tecnologia, all’innovazione, ed al design, per la portata internazionale ed una spiccata attenzione e sensibilità verso gli aspetti sociali del lavoro. Parlare della storia di Olivetti significa mettere in risalto quei meccanismi e quelle relazioni tra aziende che hanno segnato l’andamento di un’intera epoca sotto il profilo economico e culturale. Adriano Olivetti elaborò un pensiero del tutto originale e insolito, in cui l’attività di impresa non doveva assicurare soltanto buoni profitti, ma anche favorire lo sviluppo sociale, culturale e umano di chi ci lavorava, rispettando ogni individualità, talento e aspirazione. È così che il celebre imprenditore italiano riuscì a creare, nel secondo dopoguerra italiano, un’esperienza di fabbrica unica al mondo, in un periodo in cui si fronteggiavano capitalismo e comunismo. Secondo la concezione di Olivetti il fine dell’impresa non è riconducibile esclusivamente al puro profitto. L’impresa nasce infatti per allargare il proprio sguardo sul mondo e si sviluppa per poter ridistribuire gran parte dei profitti facendoli ritornare alla comunità circostante. E ciò non solo attraverso il semplice aumento dei salari, ma promuovendo in tutti i suoi aspetti -materiali e spirituali- l’armonico sviluppo dell’essere umano. La fabbrica esiste, innanzitutto, per creare e diffondere al proprio interno e nella realtà circostante una sempre migliore qualità di vita.

È importante mettere in evidenza la grande esigenza, in questo momento storico del nostro paese, di riscoprire l’insegnamento di Adriano e Camillo Olivetti e di tutta la grande storia olivettiana.

E’ possibile seguire la diretta dell’evento sulla pagina Facebook e sul canale Youtube del Centro Studi Borgogna di Milano

 


Recent Posts
Contatta l'Associazione Archivio Storico Olivetti

Puoi scriverci un messaggio usando questo modulo. Ti risponderemo al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
0

Start typing and press Enter to search

Wishlist 0
Continue Shopping