23 Novembre 2002

Dall’Elea alla Programma 101: una storia italiana

3 minuti di lettura
Articolo di Associazione Archivio Storico Olivetti

23 novembre 2002

Interaction Design Institute - Ivrea
La storia olivettiana di Pier Giorgio Perotto viene spesso ricondotta alla realizzazione della Programma 101, una macchina geniale per le soluzioni tecnologiche e per le modalità d'uso che aprivano la strada a un nuovo modo di lavorare, basato su un rapporto personale e diretto tra l'uomo e la macchina. Era questa un'intuizione che nel 1965 anticipava di oltre un decennio i primi approcci delle imprese americane a progetti di personal computer. La Programma 101 è in qualche modo un prodotto di quella vicenda di straordinaria intensità che è stata scritta negli anni Cinquanta e Sessanta dalla Divisione Elettronica della Olivetti. Una vicenda in cui si intrecciano grandi intuizioni imprenditoriali, altissime competenze manageriali e tecniche, la passione di un gruppo che crede profondamente nella ricerca e nelle nuove tecnologie, ma che si scontra con gli ostacoli frapposti da un mercato non ancora preparato alla novità elettronica e da istituzioni, imprese e ambienti che per diversi motivi vedono nell'avventura elettronica uno spreco di risorse o forse una minaccia. Questa vicenda storica è ancora oggi ricca di insegnamenti: insegnamenti per gli strateghi d'impresa, per chi ricerca e progetta, per chi ha fiducia nell'innovazione e nella tecnologia, per chi deve confrontarsi con le mille opportunità e avversità del mercato, per chi ha responsabilità nella politica economica e industriale. Pier Giorgio Perotto, nato a Torino nel 1930 e scomparso nel gennaio 2002, ha ricoperto importanti incarichi nel Gruppo Olivetti. Nel 1958 è a Pisa per lavorare nel progetto dei grandi calcolatori; nel 1964 diviene responsabile del Progetto Elettronico e nel 1967 gli viene affidato il compito di coordinare tutte le attività di Ricerca e Sviluppo del Gruppo. Dal 1980 al 1993, alla guida dell'Elea, dà un forte impulso allo sviluppo dei programmi di formazione manageriale. Docente al Politecnico di Torino, ha pubblicato numerosi saggi e articoli, di cui vi è ampia traccia nel sito Internet a lui dedicato (www.piergiorgioperotto.it). Per ricordare Pier Giorgio Perotto si è ritenuto di proporre un Convegno che raccogliesse la testimonianza di grandi protagonisti dell'avventura elettronica dell'Olivetti, dalle prime attività presso l'Università di Pisa fino alla cessione della Divisione Elettronica e alle successive attività che portarono alla Programma 101 e ad altre numerose realizzazioni nella scrittura e nei sistemi. Alla proposta dell'Archivio Storico hanno aderito con entusiasmo la società Olivetti, l'AICA, la Fondazione Adriano Olivetti e l'IDI che ha messo a disposizione del Convegno la sua sede, dove in passato era situato il Centro Studi diretto da Pier Giorgio Perotto. Programma della giornata ore 9:30 - Apertura del convegno e saluti
  • Antonio Tesone, Presidente Olivetti S.p.A.
  • Bruno Lamborghini, Presidente Olivetti Tecnost ed Associazione Archivio Storico Olivetti
  • Laura Olivetti, Presidente Fondazione Adriano Olivetti
  • Giulio Occhini, Presidente AICA
  • Gian Luigi e Pier Paolo Perotto
  • Gillian Crampton Smith, Direttrice Interaction Design Institute
ore 10:00 - Proiezione di una video-intervista inedita a Pier Giorgio Perotto, realizzata dal regista Pietro Contadini ore 10:15 - Presiede i lavori Franco Filippazzi
  • Giovanni Maggia - La vicenda dell'elettronica Olivetti e Piergiorgio Perotto
  • Ottorino Beltrami - La Divisione Elettronica Olivetti
  • Elserino Piol - I nuovi mercati, la serie Elea e la Programma 101
  • Simone Fubini - La grande avventura da Pisa a Pregnana
  • Giovanni Desandre - Programma 101: elettronica contro meccanica?
  • Ettore Sottsass - Design e computer
ore 11:45 - coffee break ore 12:00
  • Giuseppe Rao - Una storia italiana
  • Giuliana Gemelli - Roberto Olivetti, entrepreneur dell'innovazione
  • Giuseppe Cecchini - Olivetti e l'Università di Pisa
  • Lucio Boriello - Da Barbaricina a Pregnana
  • Remo Galletti - La tecnologia
  • Mario Italiani - Il software
  • Gastone Garziera - Programma 101
ore 13:30 - buffet ore 14:15 - Testimonianze e interventi dalla sala ore 15:30 - Conclusioni Al termine dei lavori sarà possibile visitare la sede dell'Interaction Design Institute. Nella vicina Officina H sarà aperta una mostra di opere provenienti dal patrimonio artistico Olivetti, finora mai esposte, dedicata a pittori del '900. Presso la villetta Casana (Archivio Storico Olivetti) sono esposte Le macchine sapienti di Natale Capellaro, mostra celebrativa per i cento anni dalla nascita del grande progettista delle più famose macchine per ufficio Olivetti a tecnologia meccanica. Salva Salva Salva Salva
Condividi sui social