12 Marzo 2011

Dattilografe

1 minuti di lettura
Articolo di Associazione Archivio Storico Olivetti

12 marzo 2011

Teatro Giacosa - Ivrea
Compagnia Liberipensatori "Paul Valéry" ispirato al libro edito dalla Olivetti "Piccola guida di dattilografia"   Correva l'anno 1957 quando Olivetti dava alle stampe un delizioso volumetto dal titolo Piccola guida di ortografia. Si trattava di uno svelto ed elegante manuale che indicava alle dattilografe la via per non incappare in errori di ortografia e consentire loro di scrivere le "molte pagine quotidiane in maniera corretta, uniforme, decorosa". In tempi di correttori automatici, il pensiero di quel mondo, visto attraverso la distanza che il tempo ha accumulato, ci strappa un sorriso di tenerezza. Eppure quella generazione ha affrontato coraggiosamente un tragico dopoguerra e la ricostruzione di una nazione che, grazie alle solide basi gettate dalla Resitenza, ha saputo, proprio in quegli anni, rialzare la testa. Lo spettacolo vuole essere un umile omaggio alle donne che allora lavorarono, si sacrificarono e, entrando sempre di più capillarmente nel mondo del lavoro, contribuirono a riscattare agli occhi del mondo un Paese che si era arreso davanti alle infauste lusinghe del regime fascista. Come vivevano quelle donne? Cosa sognavano? Con chi speravano di costruire il futuro? A queste domande, partendo dalla Piccola guida di ortografia recentemente ristampata, cerca di rispondere questo affettuoso allestimento che, in stretta collaborazione con l’Archivio storico Olivetti di Ivrea, debutterà sul palcoscenico del Teatro Giacosa in occasione del prossimo 8 marzo. Di Cristian Mascia, con note a margine di Oliviero Corbetta Con: Elena Canone, Stefania Rosso, Daniela Vassallo Ideazione e regia: Oliviero Corbetta musiche originali: Bruno Coli coreografie: Teodoro Bungaro grafica: Daniela Vassallo light designer: Pietro Striano registrazioni: Underdog Studio di Matteo Castellan Per maggiori informazioni, visitate il sito della Compagnia
Condividi sui social