9 Marzo 2010

La partecipazione dei lavoratori nella gestione delle imprese

2 minuti di lettura
Articolo di Associazione Archivio Storico Olivetti

9 marzo 2010

Sala conferenze Intesa Sanpaolo - Palazzo Besana - Piazza Belgioioso, 1 - Milano
Il Gruppo Economisti di Impresa, in collaborazione con l'Associazione Archivio Storico Olivetti e la Fondazione IRSO, organizza la tavola rotonda "La partecipazione dei lavoratori nella gestione delle imprese", in occasione della presentazione del libro-ricerca di Stefano Musso, realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo, "La partecipazione nell'impresa responsabile. Storia del Consiglio di Gestione Olivetti", edito da Il Mulino (Bologna, 2009) per la Collana di Studi e Ricerche dell'Archivio Storico Olivetti. Partendo dal caso emblematico dell'esperienza storica olivettiana, la tavola rotonda affronta il tema del cambiamento dei rapporti di partecipazione dei lavoratori alla gestione delle imprese e la ricerca di nuove forme di collaborazione nel contesto della Società della Conoscenza. Le reti telematiche all'interno e all'esterno delle imprese attraverso le applicazioni del web sociale aprono nuove prospettive e accelerano la trasformazione delle modalità organizzative. Su questi temi, si confrontano studiosi del mercato del lavoro e delle organizzazioni, rappresentanti sindacali, imprenditori e manager particolarmente sensibili ai cambiamenti in atto. Apertura dei lavori Gregorio De Felice, Direttore Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo e socio GEI Lorenzo Stanca, Amministratore Delegato Mandarin Advisory e Presidente GEI Bruno Lamborghini, Associazione Archivio Storico Olivetti e socio GEI Federico Butera, Fondazione IRSO Relazione introduttiva Stefano Musso, Università di Torino Tavola rotonda Tito Boeri, Università Bocconi Francesco Forlenza, Presidente Olivetti Enrico Loccioni, Imprenditore Roberto Maglione, Responsabile Human Resources Finmeccanica e socio GEI Maurizio Petriccioli, Segretario confederale CISL Tatiana Rizzante, Imprenditrice (AD gruppo ICT Reply) Tiziano Treu, Commissione lavoro del Senato Stefano Venturi, VP Public Markets Europe CISCO Presiede e coordina Paolo Bricco, Il Sole 24 Ore La partecipazione nell'impresa responsabile. Storia del Consiglio di Gestione Olivetti, di Stefano Musso La storia del Consiglio di gestione della Olivetti di Ivrea colma una lacuna negli studi sui rapporti di lavoro in Italia, in particolare sulla secolare questione del controllo e della collaborazione dei lavoratori alla gestione delle aziende. Unico a sopravvivere tra i consigli creati e cancellati in Italia nel breve arco del lustro successivo al 25 aprile 1945, il Consiglio di gestione della Olivetti ebbe una lunga storia, durata fino al 1971, che può insegnare molto a chi oggi è chiamato a legiferare in tema di partecipazione. Frutto della peculiare concezione della funzione sociale dell'impresa e del rapporto tra fabbrica e comunità propria di Adriano Olivetti, fu una esperienza eccezionale nel panorama italiano. Questa ricerca ne ricostruisce la storia, evidenziando la sottile trama dell'incontro e dello scontro tra gli interessi dei lavoratori e dell'impresa, la dinamica dei rapporti tra le diverse organizzazioni e culture sindacali, i momenti di svolta nelle politiche del personale, l'influenza della partecipazione sulle relazioni sindacali in un'impresa contraddistinta da forte sensibilità sociale ma non esente da tensioni, scaturite dalle contrapposizioni politiche e dalle contraddizioni dello sviluppo; il tutto sullo sfondo degli anni cruciali del miracolo economico e del completamento del processo di industrializzazione del paese. Basato principalmente sui fondi archivistici aziendali il volume raccoglie in appendice interventi inediti di Adriano Olivetti e di altri grandi protagonisti dell'avventura eporediese e italiana di quegli anni, quali Arrigo e Roberto Olivetti, Franco Momigliano, Aurelio Peccei, Nicola Tufarelli, Bruno Visentini. E' possibile acquistare il libro di Stefano Musso nello shop online dell'Associazione Archivio Storico Olivetti
Condividi sui social