23 Settembre 2006

Le due settimane di John Phillips

1 minuti di lettura
Articolo di Associazione Archivio Storico Olivetti

23 e 24 settembre 2006

Castello di Belgioioso - Pavia
Tra la caduta della Monarchia e l'apertura della Assemblea Costituente nelle foto storiche dell'Archivio Storico Olivetti
Una singolare esposizione nell'ambito della manifestazione Parole nel tempo - Editori in mostra La Olivetti negli anni '80 ha dedicato alla grande arte fotografica dell'inglese John Phillips (1914-'96) numerose esposizioni, ospitate in molte città non solo europee. John Phillips è considerato uno dei tre principali reporter del '900 insieme a Cartier-Bresson e Robert Capa. Fotografo fortunato ma anche fotografo intelligente. Fortunato, perchè favorevoli circostanze lo hanno fatto diventare reporter della rivista Life e quindi inviato in mezzo mondo e in mezzo agli avvenimenti principali del secolo. Intelligente, perché ha saputo vedere e far vedere fatti e persone con un occhio sensibile, rivelatore di caratteri e interprete di eventi. Fortunato ed intelligente, John Phillips, perché di molte circostanze non solo è stato testimone solitario ma anche testimone veritiero. La mostra ospitata nel Castello di Belgioioso è singolare e di rara fruizione essendo parte di una collezione proveniente dall'Archivio Storico Olivetti di Ivrea. Foto di grande formato e di qualità elevata sono state realizzate da John Phillips tra l'11 e il 25 giugno del 1946 e testimoniano uno dei periodi cerniera dell'Italia post-bellica. Una serie di significativi ritratti colgono molti ministri in attesa che Alcide De Gasperi torni dal Quirinale dove si è recato per comunicare al re l'affermazione della repubblica. Mentre altre immagini testimoniano l'apertura dell'Assemblea Costituente. Alla mostra si accompagna una presenza d'eccezione, la Biblioteca d'Olivetti, un bookstore di documenti unici e rari da reperire (libri strenna, cataloghi d'arte, calendari, manifesti, oggetti di design), vera ed originale occasione per bibliofili ed appassionati di un'editoria di qualità. Salva Salva Salva
Condividi sui social