17 Maggio 2001

Un archivio aperto al futuro

1 minuti di lettura
Articolo di Associazione Archivio Storico Olivetti

17, 21, 28, 29 e 31 maggio 2001

Villetta Casana, Ivrea
Storia, futuro e incontro con l'Archivio Storico Olivetti
L'Archivio Storico Olivetti organizza un primo ciclo di incontri e di conversazioni nel Parco di Villa Casana partendo da alcuni tra i grandi argomenti che hanno caratterizzato la cultura olivettiana, con il preciso obiettivo di guardare avanti e cogliere così stimoli che aiutino a immaginare e soprattutto progettare praticabili ed interessanti futuri. Ivrea e il Canavese posseggono esperienze di grande originalità che possono costituire il terreno favorevole non solo per una riflessione storica ma anche per lo sviluppo di nuove creatività. Gli stessi temi dei 5 incontri previsti suggeriscono l'importanza dell'aspetto storico e dell'apertura al futuro, entrambi fondamentali per il territorio e la società canavesani. Giovedì 17 maggio Giovanni Maggia, "Un'occasione speciale: intervista di oltre un'ora ad Adriano Olivetti (1959)" Lunedì 21 maggio Giovanni Avonto, "Ruolo dei Consigli di Gestione nella cultura sindacale" Lunedì 28 maggio Bruno Lamborghini, "Storia di un'azienda e nuova economia" Martedì 29 maggio Cornelia Lombardo, "Insegnamenti dai Servizi Sociali Olivetti" Giovedì 31 maggio Patrizia Bonifazio e Paolo Scrivano, "Cos'hanno di particolare le architetture di Ivrea" In ciascun incontro, ad una breve presentazione seguirà una conversazione tra i tutti i partecipanti. Questo primo ciclo di incontri offre un'occasione particolare, la possibilità di visitare per la prima volta una esposizione del tutto nuova, Le collezioni dell'Archivio Storico Olivetti, quasi un museo, una struttura attiva ospitata nella Villetta Casana che presenta, attraverso moduli semplici, una vasta serie di elementi che in forma originalissima hanno caratterizzato l'intera vicenda olivettiana (le collezioni dell'Archivio Storico Olivetti sono di solito visitabili su appuntamento dal lunedì al venerdì).
Condividi sui social